Medici specialisti in Terapia del dolore

Comprendere l’origine e curare i dolori della Persona è uno degli obiettivi principali della medicina fin dalle sue origini.
La medicina del dolore (o algologia) è la disciplina medica specialistica che ha per obiettivo lo studio dei meccanismi che producono il dolore, il riconoscimento delle sue cause, la scelta e l’applicazione delle terapie per eliminarlo.

Quando si inizia la terapia del dolore

Quando il dolore diventa cronico e condiziona l’esistenza stessa dell’individuo, la terapia del dolore può essere la via da percorrere.
Spesso le patologie che comportano dolore cronico sono quelle legate all’artrosi, alle deformazioni dello scheletro, alle lombalgie e al mal di schiena oppure alle cefalee. Sono problemi le cui dinamiche sfuggenti impediscono una cura definitiva, per cui si sceglie di combatterle alleviando le conseguenze.

Come si svolge una visita di terapia del dolore

La prima parte della visita, l’anamnesi, richiede al paziente di presentare la propria storia clinica e il motivo della visita. E’ essenziale che il paziente porti con sé tutta la documentazione clinica pregressa: esami radiologici, descrizioni di eventuali terapie in corso, referti di visite precedenti e qualsiasi altra documentazione che possa supportare il medico nella ricostruzione della storia clinica del paziente.

La seconda fase della visita, l’esame obiettivo, avviene attraverso diversi tipi di esami, scelti dal dottore in base alla storia clinica del paziente. Uno dei possibili esami, ad esempio, è l’esame teletermometrico, il quale consiste nella rilevazione, attraverso una telecamera a raggi infrarossi, delle immagini termiche di un distretto corporeo.

Possibili terapie del dolore

Per contrastare il dolore normalmente vengono usati dei farmaci detti analgesici.
In base all’intensità del dolore i farmaci frequentemente utilizzati sono l’aspirina, l’acetaminofene o i FANS per il dolore lieve; la codeina o l’ossicodone per il dolore moderato; l’idromorfone o la morfina per il dolore grave.

In sostituzione o in combinazione al trattamento farmaceutico sono possibili altre tipologie di intervento come: l’elettrostimolazione nervosa per via trans-cutanea, l’agopuntura, la radioterapia, le tecniche di rilassamento, vari interventi psicologici e fisici.